estratto del racconto Al tavolino del bar

red markAttenzione : si usa linguaggio colorito in quello che segue. Le situazioni descritte sono adatte ad un pubblico adulto.

Capitolo 1 – mutandine
Aveva passato la giornata a lavoro nel cercare di intontirsi con
il fare Nicoletta, aveva lavorato facendo di tutto, anche le cose più
inutili dell’ufficio, rimaste da terminare perché inutili. Poi era
andata in palestra in pausa pranzo, palestra dove si era ammazzata
per fare sparire i rotolini di ciccia sui fianchi, che vedeva solo lei e
che le facevano venire un nervoso tremendo, specie quando si
guardava davanti allo specchio, confrontandosi col ricordo di
un’altra donna, al mare, diversi anni fa, quella sé di venti anni, che
secondo il suo sguardo era molto più bella.
Ora era in giro per il bagno di casa, scalza, con un grosso
asciugamano in testa e uno più piccolo in mano, col quale si finiva
di asciugare tamponandosi il corpo. Si era appena lavata, una
seconda lunga doccia fredda dopo quella in palestra; ci voleva.
Era caldo però e già sentiva le prime goccioline di sudore
lungo la schiena; doveva rinfrescarsi. Rimase qualche secondo
davanti allo specchio ad osservare il decolté, prendendo in mano le
coppe dei seni. Esclamò un “mah” sottovoce, come non fosse così
convinta di ciò che aveva per le mani, poi si avvicinò a dove aveva
gettato in fretta e furia i vestiti smessi, per raccoglierli e buttarli nel
cesto dei panni sporchi.
Con ancora l’asciugamano grande in testa e scalza, andò verso
la camera da letto, dove le pale del ventilatore portatile
combattevano una guerra persa in partenza contro il caldo umido di
quel pomeriggio; per fortuna le previsioni del tempo avevano
annunciato acquazzoni nella notte che forse avrebbero abbassato la
temperatura. In verità Nicoletta, Nico per chi la conosceva, non ci
sperava molto.
“Nico Nico, ma che combini…”
Si era fatta l’ennesima doccia perché quella sera doveva uscire
e incontrare un vecchio conoscente, un quasi amico. Un ragazzo col
quale mille anni prima aveva avuto un appuntamento e che l’aveva
portata in Vespa a prendere un gelato vicino alla fortezza.
Si infilò delle ciabatte, per non lasciare troppe impronte in
giro, poi completamente nuda raggiunse il soggiorno e si
inginocchiò davanti allo stereo; aveva le dita ancora umide e le
sfregò sull’asciugamano-copricapo, aprì l’anta di vetro che copriva
l’hi-fi fermandola abilmente con il seno destro, sennò si apriva
troppo e andava a sbattere dall’altra parte, e lo accese.
Caspita che palle di giornata, era noiosa e lei era impaziente, e
poi il pensiero di incontrare una persona, dopo mesi; quella doccia
e le goccioline lungo la schiena e poi l’anta che aveva sbattuto sotto
l’areola del capezzolo, il fatto che era chinata a terra senza niente
addosso, l’agitò.
“Basta Nico, basta.” Si sgridò rialzandosi.
Selezionò una play-list, Musica uno, e premette il tasto play:
più di cento ore di brani. Neanche ricordava cosa ci avesse messo
esattamente.
Tornò in camera e scelse un abito, carino ma non troppo, da
portare senza calze con il giusto tacco, chiaro per apparire
abbronzata? No. Scuro per mettere in risalto i capelli e non troppo
l’abbronzatura; meglio. Volutamente evitò di rimettere a posto gli
abiti che non aveva scelto, lasciandoli sul letto; avrebbe avuto la
scusa, più con se stessa, per non portare nessuno a casa.
Ok, finì di dare un colpo di spazzola ai capelli, poi un colpo di
asciugacapelli e ancora spazzola, si truccò cercando di non
esagerare e quasi soddisfatta prese le chiavi ed uscì. Si fermò giusto
un secondo, là sotto passava uno spiffero a cui non era abituata.
Non s’era messa addosso biancheria. Rientrò in casa.
“Si parte male Nico, si parte male…”

[intro] [p1] [p2] [p3]

Annunci

Un pensiero su “estratto del racconto Al tavolino del bar

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...